La capacità di creare nuovi legami è sempre stato al centro dei miei pensieri.

Si, è stato metro di autostima. E trovare un porto sicuro, un qualcuno che potesse confermare le mie idee e sensazioni, è stato l’obiettivo unico per anni e anni. Questo porta all’autoDistruzione.

Solitamente quando si cercano porti sicuri, si commette il grave errore di trovare persone che si sono come te , ma che decisamente impediscono qualunque confronto.

La realtà reale , quella che molti accettano come tale, e che io ancora a 23 anni suonati la riconosco con molta fatica, è sempre stato il nemico da cui fuggire.

Stare con persone “reali” mi ha sempre provocato un certo disagio, ma non perchè non sappia relazionarmi, ma riufiatavo in partenza qualsiasi tipo di confronto. Pensando sempre di dedicare il mio io a persone che “se lo meritassero”.

Ho sempre mostrato una certa insofferenza per gesti banali, ma che reputavo troppo reali.

L’immagine pittorica potrebbe essere : io che mi arrampico disperata sugli specchi, per trovare un altra me, pur di non scivolare infondo, cadere per terra, ed evitare di ritrovarmi in avvenimenti lontani dalla mia fantasia.

Si questa sono stata io.

L’utopismo….o come si potrebbe definire? La dolce culla che ci creiamo anche quando non ne abbiamo più bisogno, chiamiamolo EgoMondo, porta nel tunnel della dipendenza. Non basta mai. Non si arriva mai ad un punto in qui “ok mi sono creata il mio mondo e ci vivo”. NO! purtroppo no. il mondo non reale, deve continuamente essere aggiornato e rielaborato, e più ci si confronta con la realtà e più l’EgoMondo si amplia…perchè si sa per difendersi bisogna costruire un castello forte….

Il problema subentra quando gli individui affetti da EgoMondismo, oltre ad essersi costruiti un qualcosa che in realtà non esiste, pretendono di vivere la realtà secondo i canoni del loro Egomondo….

Arrivati a questo punto, tutto dipende dalla testardaggine dell’EgoMondiano . Le alternative sono due, o crolla il bel castello ed inevitabilmente si prende coscienza, oppure continua la spirale della disperazione. (ampliamento dell’EgoMondo).

Che dire ? Si la realtà non è bella, ma è concreta. E avere qualcosa di concreto appaga più di qualsiasi fantasia. La realtà è necessaria. si credo che la causa di molti conflitti interiori, sia il rifiuto totale della realtà. L’idea giusta è forse trovare un compromesso. E poi, la realtà è il porto sicuro, perchè è sempre lì.

Da qualche parte tempo fa ho letto “sembra incredibile , può succederti qualsiasi cosa, ma il mondo è sempre la fuori”

Annunci