La Repubblica di oggi ha dedicato un intera pagina alla vittoria di Vladimir  Luxuria.

Vari personaggi pubblici sono stati intervistati per dare la loro opinione su questo avvenimento “pseudo-politico”.

Lella Bertinotti (moglie di Fausto Bertinotti)  elogia l’ex parlamentare per essere riuscita a far riflettere su temi sensibili.

Elisabetta Gardini (PDL) esprime un concetto sottile. E’ contenta che Luxuria abbia vinto l’isola, ma si preoccupa di come programmi popolari ospitino gente che ritiene che i sessi siano cinque e non due. Quindi?….Diplomazia che scade nel ridicolo.

Paolo Ferrero (PRC)  vorrebbe che Vladimir si candidasse per le elezioni europee, per lui questa vittoria è un segnale chiaro di apertura mentale della società italiana.

Stupisce come ormai temi importanti quali l’orientamento sessuale possano essere trattati solo quando un transgender vince un concorso in tv.

E sopratutto stupisce come spesso il mondo politico (in questo caso Sinistra) non riesca più a trarre ispirazione da se stesso. I temi vengono proposti dalla Tv ( e diciamolo…tv un pò trash) e subito il politico di turno coglie l’occasione per ribadire la sua piena adesione.

L’apertura mentale ? ….Forse qualcuno avrà capito che in fondo tutti siamo “umani”.  Ma sperare in una sconfitta dei pregiudizi, o paragonare Vladimir  Luxuria a Obama (Liberazione) mi sembra un pò azzardato.

Annunci